Festa Maggiore: Madonna di Sovereto

La Madonna di Sovereto è un’icona di tipo bizantino giunta da oriente o dipinta in loco ritrovata in una cavità carsica nel bosco del sovero, in agro di Terlizzi, intorno all’anno mille. 

La leggenda narra di un pastore intento a liberare la zampa di una pecorella del suo gregge incastrata nel suolo in cui oggi sorge il Santuario di Sovereto. 

Dal suolo vide filtrare una luce che lo indusse a scoprire una grotta abbandonata nella quale era stato lasciato il quadro della Madonna. 

Pubblicità

La commozione di quel lontano giorno si perpetua nella vivida devozione odierna.

Il culto delle Madonne Nere è molto diffuso nel mezzogiorno e trae origine dalla Hodigitria dipinta da San Luca e venerata a Costantinopoli nel V secolo. 

Traslata a Bisanzio l’icona venne collocata nella basilica in riva al mare. 

Proprio sulla via marittima ha viaggiato la cultura bizantina che ha portato il culto mariano orientale fino a noi. Ancora oggi Sovereto è tappa per i pellegrini diretti a Medjugorje.

Nel territorio pugliese sono presenti diverse icone, dal greco oikos – immagine, a testimonianza del ruolo di ponte tra oriente e occidente che la Puglia da sempre riveste.

Le icone più importanti venerate in Puglia, oltre alla Madonna di Sovereto, sono:

la Madonna di Corsignano a Giovinazzo,

la Madonna della Madia a Monopoli,

la Madonna di Ripalta a Cerignola (Foggia),

la Madonna Hodigitria di Pulsano (Foggia).Nei primi del 1700 il popolo terlizzese proclamò la Vergine di Sovereto la patrona di Terlizzi e fece incastonare l’icona in un tempietto d’argento di fattura napoletana. 

Da quel momento prende vita il ciclo annuale dei festeggiamenti in suo onore le cui principali giornate sono il 16 e il 23 aprile e la Festa Maggiore.

Fonte: BorgodiSovereto.it